Storia e presentazione

La Comunità di San Claudio nasce l’11 febbraio 1998 quando venti persone provenienti dall’ospedale psichiatrico di Macerata decisero di vivere insieme in una casetta immersa nelle campagne maceratesi, accanto all’abbadia di San Claudio.

La Comunità San Claudio è oggi gestita, insieme alla Comunità San Girolamo di Fermo, dalla Cooperativa Solaria di Civitanova Marche, che ha dato origine alla prima casa protetta per ex pazienti manicomiali, con il desiderio di “ridare sole” a coloro che per molti anni avevano vissuto al buio.

Dal 2008 la Cooperativa Solaria opera in regime di convenzione con l’ASUR Zona Territoriale 8 di Civitanova Marche, sotto la responsabilità del Dipartimento di Salute mentale a cui spetta la gestione sanitaria.

La nostra visione

La cooperativa Solaria assume come mission il compito di mettere la persona al centro della propria vita, persona intesa nell’interezza delle sue caratteristiche individuali psico-fisiche e spirituali.

La Comunità si presenta come una famiglia professionale capace di accogliere le persone nella integralità e varietà delle loro individualità, un luogo dove, come in una casa, si è attenti alle necessità e ai desideri di ognuno, con lo scopo esclusivo di giungere al benessere delle persone accolte.

In questo senso si inserisce la scelta precisa di non avvalersi di personale in appalto: l’equipe della comunità è composta sì da operatori specializzati, ma riesce comunque a configurarsi e a rimanere come una grande famiglia.

San Claudio

(foto Comunità San Claudio)

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi